Ho un vegano a cena!

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

IMG_8517Chi abbraccia la scelta vegan deve fare quotidianamente ‘i conti’ con la società: paradossalmente risulta più facile correggere il tiro quando si è fuori casa, con una ‘pizza rossa’ (base più pomodoro) o un piatto di pasta al sugo, che quando si è invitati da parenti e amici, che si trovano impreparati ad accogliere un vegano a tavola. E’ diffusa l’idea che  chi mangia vegan si nutra di sola frutta e verdura (e per questo sia anche un po’ depresso…) ma non è così. Ecco allora che mi propongo umilmente di suggerirvi alcuni piatti di facile realizzazione che non richiedono particolari abilità culinarie né ingredienti di ‘nicchia’. Ci sarà una parte più dettagliata per chi già si ‘muove’ sul terreno ed una per i neofiti dell’argomento. Sarà molto più semplice di quanto non crediate avvicinarvi alla nostra filosofia di vita e alla cucina vegan e ne verrete conquistati, ne sono certa: insalate, pasta, cereali e legumi saranno i nuovi ‘alleati’ e scoprirete un modo appetitoso e naturale di mangiare.

Michela Jyothi Rolandi

“Quando si prova gratitudine non si soffre Mi accorgo che negli Stati Uniti, dove c’è cibo così abbondante e vario, non si ha molto tempo per mangiare. Mangiare può essere qualcosa di molto gioioso e non c’è bisogno di mangiare tanto per essere sani. Quando prendo il cibo, che sia con i bastoncini o con la forchetta, sto un momento a guardarlo. Mi basta una frazione di secondo per identificare il cibo; se sono veramente presente qui e ora lo riconosco immediatamente, che si tratti di una carota, di un fagiolino o di un pezzo di pane. Gli sorrido, lo metto in bocca e lo mastico con la totale consapevolezza di ciò che sto mangiando. La consapevolezza è sempre consapevolezza di qualcosa: io mastico il cibo in modo tale che la vita, la gioia, la solidità e la non paura divengano realtà possibili. Dopo aver mangiato per una ventina di minuti mi sento nutrito, non solo fisicamente ma anche mentalmente e spiritualmente”.

Thich Nhat Hanh – Libero ovunque tu sia – Edizione originale: Parallax Press, Berkeley (CA) 2000. Pubblicato in Italia con il consenso dell’A., a cura della Associazione Essere Pace Via Tertulliano, 30 – 20137 Milano www.esserepace.org Materiale non in vendita – distribuzione gratuita


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •